Terrazzo

Basta acqua ciò di cui hai bisogno

Pin
Send
Share
Send
Send


DR

L'acqua è scarsa e deve essere preservata. Come innaffiare poi, specialmente con la siccità? Revisione dei riflessi di irrigazione per adottare ...

Le piante che hanno bisogno di acqua per vivere, il giardino non può fare a meno di annaffiare. Una migliore conoscenza delle esigenze delle piante e delle tecniche da attuare per ridurre il consumo di acqua evita gli sprechi. Con un giardino ben curato, i risparmi saranno tanto più importanti.

1. Regola base: sapere quando bagnare

In estate, l'acqua solo al mattino presto, molto tardi la sera o la notte, per limitare l'evaporazione dovuta al sole. In inverno, fai il contrario, innaffiando le piante sempreverdi nel mezzo della giornata per evitare danni da gelo durante la notte.

Non c'è bisogno di acqua quando piove o quando il terreno è ancora molto umido. Se si utilizza l'irrigazione automatica, installare un sensore di umidità collegato al programmatore, questo è il modo più sicuro per evitare di far scattare l'irrigazione nel momento sbagliato, ad esempio dopo la pioggia.

2. Moltiplica i consigli per risparmiare acqua

L'uso migliore dell'acqua nel giardino influenza positivamente l'atmosfera intorno alla casa. Così, durante la stagione estiva, la creazione di pozze, fossi e corsi d'acqua che raccolgono il ruscello riumidifica il terreno. Quando l'acqua ristagna a lungo nelle piscine, ossigenarla con getti, cascate artificiali e piante acquatiche. Questo darà un'animazione extra al tuo giardino.

3. Rispettare i bisogni delle piante e la natura del suolo

Le piante con radici poco profonde, come rododendri e camelie, dovrebbero essere annaffiate spesso ma con poca acqua alla volta. Quelle le cui radici affondano nel terreno richiedono piuttosto un'abbondante irrigazione, una volta alla settimana o ogni due settimane.

Se il terreno è poroso o sabbioso, inumidire il terreno vicino al ceppo affinché le radici possano bere acqua mentre si asciuga rapidamente. Il microirrigatore (irrigazione aerea che inumidisce le foglie delle piante) è il modo migliore per annaffiare senza sprecare portando l'acqua nel posto giusto.

Se il terreno ha una tendenza argillosa, il gocciolamento è la soluzione più economica, perché l'acqua si infiltra lentamente, si diffonde sulla superficie e inumidisce gradualmente gli strati del terreno.

4. Scegli le tue piante

Scegli le piante sobrie che necessitano solo di acqua una volta alla settimana (sono ora elencate nei cataloghi dei bambini).

Adotta fiori primaverili che non avranno bisogno di essere annaffiati in estate, piante perenni che affondano per diversi anni, piuttosto che acqua golosa stagionalmente perché cresce più velocemente.

Invece di tagliare le pareti delle piante che drenano il terreno e richiedono acqua per ricostruire i loro germogli, optare per siepi libere, che sono autosufficienti.

5. Prenditi cura delle tue piante e del tuo terreno

Insudiciare il terreno è come rompere la crosta superficiale che impedisce alla pioggia e all'acqua di filtrare. Un'opportunità per verificare il famoso detto: "Una buona zappata equivale a due annaffiature"!

Coprire il terreno con pacciame (scafi di grano saraceno, poltiglia di pioppo, baccelli di cacao, paglia di lino, rifiuti di terra, ecc.) Mantiene la freschezza più a lungo e previene la crescita delle erbacce. .

Diffondere uno spesso strato di compost nella caduta sul suolo dei letti e ai piedi degli arbusti migliora la consistenza del terreno, che meglio conserverà l'acqua in seguito.

Altri suggerimenti per consumare meno acqua

- Recuperare l'acqua piovana: evita l'esaurimento delle acque sotterranee.

- Ridurre la superficie del tuo prato: le piante di copertura del suolo frugale mantengono una bella vegetazione, anche senza irrigazione. Alcuni, come zoysia, frankenia, timo serpillo e azorella, mantengono tra i 5 ei 10 cm di altezza.

- I grandi prati possono essere falciati in modo diverso, corti e puliti intorno alla casa e lasciati nel prato per falciare a fine estate. Perché più l'erba viene falciata spesso, più richiede acqua per respingere, mentre i prati non hanno bisogno di essere annaffiati.

- Preferisci l'irrigazione manuale per i massicci vicino alla casa: il tempo trascorso in questo lavoro ti renderà parsimonioso!

- Pianta preferibilmente in autunno: alberi, arbusti e piante perenni beneficeranno delle piogge e attecchiranno durante l'inverno. Saranno meglio preparati a combattere la siccità l'estate successiva.

Pin
Send
Share
Send
Send