Case da sogno

Una vecchia fabbrica trasformata in un appartamento da sogno

Pin
Send
Share
Send
Send


Il soggiorno inondato di luce grazie alle finestre ad arco originali

Tom Ferguson

Per il suo cliente che voleva far rivivere i 300 m2 situati in un'ex fabbrica di tè in Australia, Josephine Hurley, l'architetto, ha progettato un appartamento in linea con la storia dell'edificio. Arrangiamento, decorazione, tutto è stato pensato per preservare le vestigia industriali del passato e per offrire spazi di vita confortevoli e funzionali. Visita guidata di questo appartamento ristrutturato con uno spirito minimalista.

Nell'aprile 2015, il proprietario investe l'ultimo piano di questa ex fabbrica di tè degli anni '20, situata a Sydney. Sul tetto, l'ex ufficio della guardia di fabbrica viene trasformato in una guest house, mentre il livello inferiore viene trasformato in una residenza privata dove il design degli interni facilita la vita quotidiana con questi moduli funzionali. Stile minimalista, pavimenti in legno, tavolozza di tonalità calde, la decorazione è esposta senza ostentazione per lasciare il posto al passato industriale dei luoghi. Fascino e carattere con, come bonus, una vista mozzafiato!

Il progetto di ristrutturazione in breve

idea : trasformare gli ultimi due piani della vecchia fabbrica, uno in residenza privata, l'altro in una guest house con sauna e cortile privato. Il tutto preservando i resti storici del luogo.

Luogo : sobborgo di Surry Hills, Sydney.

superficie : 300 m2.

Durata del lavoro : 11 mesi.

Leggi anche> Progettazione dell'architettura: i progetti più belli in immagini

La facciata dell'ex fabbrica di tè Edwards & Co a Sydney, risalente agli anni '20

Tom Ferguson

Ospitata sul tetto della vecchia fabbrica, la nuova struttura gode di una vista ideale

Tom Ferguson

Area relax con sauna, adiacente alla guest house sul tetto

Tom Ferguson

Un progetto di ristrutturazione che rispetta l'edificio esistente

Il proprietario aveva per imperativo la conservazione della storia del luogo e del suo ambiente. Il progetto è stato affidato allo studio di architettura Josephine Hurley Architecture, il cui lavoro è rispettoso dell'ambiente e del tempo, ed è costruito attraverso le relazioni con il cliente. Dalla prima visita, il proprietario e l'architetto possono percepire le forti potenzialità del luogo: finestre ad arco, bei volumi e il carattere industriale del mattone; anche se era difficile vedere la vista dall'ultimo piano della vecchia fabbrica! Questi elementi carichi di storia sono stati preservati e messi in bellezza. Così, sottolineate dalle cornici delle finestre bianche, gli archi in mattoni ora lasciano entrare la luce nel salotto contemporaneo.

Leggi anche> Stile industriale: le migliori idee di decorazione

Il soggiorno inondato di luce grazie alle finestre ad arco originali

Tom Ferguson

Altre vestigia del tempo conservate dall'architetto: le cicatrici dei vecchi condotti spinti dalla muratura, che oggi servono come decorazione alla testata del letto.

Immaginiamo che i vecchi dotti si siano annidati nella parete in muratura della stanza attuale

Tom Ferguson

Un design che celebra lo stile industriale in questo appartamento ristrutturato

Per rimanere coerente con il concetto originale, l'architetto Josephine Hurley ha immaginato di creare una rete di tubi di rame per la decorazione del soggiorno e della cucina-sala da pranzo. Come eco dei vecchi condotti, ma anche in riferimento allo skyline di Sydney, questa rete luminosa attraversa le pareti e crea un filo conduttore nello spazio.

Leggi anche> Lo stile industriale ti seduce?

La rete di tubi di rame veste le pareti di questo luminoso soggiorno

Tom Ferguson

La rete di rame si estende nella zona cucina-pranzo e illumina il tavolo da pranzo

Tom Ferguson

Un altro cenno, questa volta sul tetto, dove l'architetto Josephine Hurley ha progettato una doccia minimalista in rame, visibile dal cortile privato.

Un ricordo dell'essenza industriale del luogo con questa doccia esterna in rame

Tom Ferguson

Leggi anche> Doccia: tutte le nostre idee e soluzioni

Una disposizione spaziale funzionale e confortevole

Guidato sempre dai desideri del proprietario, l'architetto ha immaginato una serie di semplici installazioni che consentono sia di preservare il tessuto del patrimonio sia di realizzare lo spazio funzionale. Selezionati per il loro basso costo e durata, i moduli bianchi su misura hanno trovato il loro posto. Nascondono oggetti come la televisione o il bucato, in modo da ridurre il disordine nello spazio e offrire più comfort nella vita di tutti i giorni. Nella camera da letto, hanno anche un piccolo bagno, mentre gli elementi della cucina si attenuano dolcemente dietro le loro porte dipinte di grigio caldo o bianco opaco.

La biblioteca ospita anche un mobile TV, che può scomparire dietro le porte scorrevoli grigie

Tom Ferguson

Le porte scorrevoli bianche si adattano perfettamente al decoro. Mettono in secondo piano gli elementi tecnici per respirare meglio lo spazio

Tom Ferguson

Scopriamo in uno dei moduli uno spazio da bagno intelligente, decuplicato dagli specchi integrati nelle porte

Tom Ferguson

Da leggere anche> Un piccolo bagno che ha tutto di un grande

Un layout dell'appartamento progettato con i vincoli dello spazio

Data la precedente funzione industriale dell'edificio, aveva pochissimi canali. Volendo preservare la struttura concreta esistente del pavimento, l'architetto lo ha rinforzato e manipolato in modo da poter installare tutti gli elementi tecnici. La superficie era coperta da un pavimento in castagno australiano, la cui natura imperfetta seduceva il proprietario del luogo. Le tracce della storia in questo materiale riecheggiano il passato storico del luogo e danno carattere allo spazio.

Il fascino del legno funziona anche su questo muro, con il vantaggio di rastrelliere per biciclette

Tom Ferguson

La passione del proprietario del luogo per la musica spinse l'architetto Josephine Hurley a immaginare un ingegnoso sistema acustico. Isolando il rumore, il pavimento conserva la tranquillità di tutti nell'edificio.

Il proprietario può dedicarsi alla sua arte con la massima tranquillità grazie a un sistema di pavimento acustico

Tom Ferguson

Dato l'orientamento della vecchia fabbrica del tè, la cucina attuale si trova nella parte centrale, ricevendo la minima luce. Per superare questo limite, Josephine Hurley ha giocato sull'uso di pareti e carpenteria bianca e specchi. Risultato: la luce circola e si riflette nello spazio.

Il bianco e lo specchio immacolati catturano la luce in questa cucina-sala da pranzo

Tom Ferguson

Il rivestimento riflettente di questa unità della cucina, così come i muri bianchi aumentano la luminosità nello spazio

Tom Ferguson

La ristrutturazione di questa eccezionale proprietà situata a Sidney ha soddisfatto entrambe le parti: il proprietario è riempito in questo spazio abitativo funzionale e caldo che ha conservato le tracce del suo passato; mentre l'architetto è felice di aver rianimato questo luogo storico dandogli il comfort della modernità.

Scopri tutti i risultati dell'architetto Josephine Hurley

Video: Trasformare una fabbrica in un loft (Luglio 2020).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send